Ricerca personalizzata

1924 Indian Chief

http://home.ama-cycle.org/membersonly/museum/images/b16/classdec_600.jpghttp://classic-moto.blogspot.com/
As products of the Roaring ’20s, the AMA and this classic 1924 Indian Chief have a lot in common. The Indian, for instance, was a landmark development for the company, but it was also a mixture of new and old technology. The Chief, introduced in 1922, was designed to downsize the big-bike class in American motorcycling, offering 74-cubic-inch (1,200cc) performance from a high-tech 61-cubic-inch (1,000cc) powerplant. But for 1923, in response to customer demand for more performance, Indian introduced this bike, the 74-cubic-inch “Big Chief.” So, although it had one of the most advanced engines in motorcycling, the Big Chief was in some respects a throwback to the past. The AMA, too, had one foot in the past and one in the future when it was born in 1924. It represented, at the time, a revolutionary idea for a national organization that would focus on motorcyclists rather than motorcycles. Yet it was founded as a division of the existing Motorcycle and Allied Trades Association (M&ATA), the trade group representing motorcycle manufacturers. And both, it turns out, were created for the same reason -- to attract enthusiasts. In the early years of the century, motorcycles were considered basic transportation, and manufacturers sprung up all over. Then came the era of mass production, driving the cost of automobiles down to compete with many motorcycles. By the ’20s, the number of American motorcycle manufacturers had shrunk to just a few, and the survivors realized they had to appeal to an audience that was attracted to motorcycles because they were more exciting than cars, not because they were cheaper. The Big Chief, with its enthusiast-pleasing engine, showed that Indian understood that message, and it instantly became the company’s best-selling model. The AMA, too, was a response by the M&ATA to develop the enthusiast market. It was designed to keep the excitement in motorcycling by giving riders things to do with their machines. Seventy-five years later, the concept seems to have worked. It’s only appropriate, then, that as the AMA approached its diamond year in 1999, Mort Wood, then a member of the Motorcycle Hall of Fame Museum board, was asked to help locate a bike that would serve as a symbol of the AMA’s heritage. And he uncovered this classic machine, which has been restored to showroom condition by Eric Smith. We should all age so gracefully.
Translate from:      
Translate into:  
  
English to Italian translationShow romanization
Come prodotti di ruggenti anni '20, l'AMA e questo classico 1924 Indian Chief hanno molto in comune.

L'indiano, per esempio, è stato un punto di riferimento per lo sviluppo della società, ma era anche un mix di tecnologia vecchi e nuovi.

Il capo, introdotto nel 1922, è stato progettato per ridimensionare il grande classe di moto nel mondo del motociclismo italiano, che offre 74 pollici cubici (1200 cc) le prestazioni di un high-tech 61 pollici cubici (1000 cc) motopropulsore. Ma per il 1923, in risposta alle richieste dei clienti per maggiori prestazioni, indiana ha introdotto questa moto, il 74-cubi "pollici Big Chief." Così, pur avendo uno dei motori più avanzati nel mondo del motociclismo, il grande capo è stato per certi versi un ritorno al passato.

L'AMA, inoltre, aveva un piede nel passato e uno nel futuro, quando è nato nel 1924. E 'rappresentato, al momento, un'idea rivoluzionaria per un' organizzazione nazionale che si concentrerà sui motociclisti, piuttosto che i motocicli. Eppure è stata fondata come divisione delle attuali e Motorcycle Allied Trades Association (M & ATA), il gruppo di categoria che rappresenta i costruttori moto.

Ed entrambi, si scopre, sono stati creati per la stessa ragione - per attirare gli appassionati.

Nei primi anni del secolo, i motocicli sono stati considerati i mezzi di base, e produttori sorti in tutto. Poi venne l'era della produzione di massa, il costo di guida delle automobili fino a competere con moto molti.

Dal '20, il numero di case motociclistiche americane si erano ridotti a poche, ei sopravvissuti si erano resi conto di fare appello ad un pubblico che è stato attratto da moto perché erano più eccitante di automobili, non perché erano più economici.

Il grande capo, con i suoi appassionati motore piacevole, è emerso che indiani capito che il messaggio, ed è subito diventato best-modello della società di vendita.

L'AMA, anche, è stata una risposta da parte di M & ATA per sviluppare il mercato degli appassionati. E 'stato progettato per mantenere l'entusiasmo nel mondo del motociclismo, dando piloti cose da fare con le loro macchine. Settantacinque anni più tardi, il concetto sembra aver funzionato.

E 'solo opportuno, allora, che, come l'AMA si avvicinava il suo anno di diamanti nel 1999, Mort Wood, allora membro della Motorcycle Hall of Fame Museum a bordo, è stato chiesto di contribuire a trovare una moto che potrebbe servire come un simbolo del patrimonio AMA. E scoprì questa macchina classica, che è stata restaurata a condizione showroom di Eric Smith.

Dovremmo tutte le età con tanta grazia.

http://home.ama-cycle.org/membersonly/museum/images/b16/classdec_600.jpg